ORGANIZZARE UN VIAGGIO NELLA TERRA DEL SORRISO, LA THAILANDIA

da | Apr 26, 2020

Prima del 1939 conosciuta con il nome di Siam, oggi la Thailandia conta turisti da tutto il mondo, confermandosi una meta adatta a tutte le tasche.

Creare un itinerario di viaggio in Thailandia vi permette di mixare diversi aspetti, il lato templi in contrasto con i grattacieli moderni della capitale Bangkok, i Parchi Nazionali per aggiungere un pizzico di avventura,  le belle Chang Mai e Chang Rai e il relax o divertimento sfrenato nelle sue spiagge da sogno.

In questa guida vogliamo mostrarvi cosa è capace di offrire questo Paese e come poter collegare il tutto proponendovi diverse tipologie di itinerario.

La Thailandia la possiamo dividere in 3 sezioni: il Centro e il Nord che interessano principalmente l’ aspetto storico con diverse possibilità di escursioni a contatto con la natura, e il Sud che offre belle spiagge in un affascinante contesto naturale.

IL CENTRO

I più visitati :

  • PATTAYA
    Con sole 2 ore di pullman da Bangkok si raggiunge la località di mare di Pattaya nella provincia di Chonburi .
    Rinomata per la vita notturna della Walking Street, offre belle spiagge e la possibilità di fare qualche piccola escursione nelle isole vicine, come Koh Pai e Koh Lan.

Fuori dagli itinerari più battuti :

  • PARCO NAZIONALE KHAO YAI
    La Thailandia ospita diversi Parchi Nazionali, a circa 3 ore da Bangkok troviamo il Parco Nazionale Khao Yai, reso famoso dal film The beach.
    Noi non lo abbiamo incluso nel nostro itinerario ma abbiamo visitato il parco nazionale Khao Sok, potete saperne di più in questo articolo Organizzare una visita al Parco Nazionale Khao Sok.


  • KANCHANABURI
    Kanchanaburi è raggiungibile in 2h  di pullman /minivan da Bangkok.
    Se avete tempo è consigliabile trascorrere qui una notte così da poter distribuire meglio il vostro itinerario, ecco cosa fare a Kanchanaburi :

Ponte sul fiume Kwai :
Se passate per Kanchanaburi sicuramente farete visita alla “Ferrovia della Morte”.Stiamo parlando del ponte sul fiume Kwai, costruito durante la Seconda Guerra Mondiale per ordine dell’ Impero Giapponese. Quest’ultimo, con l’ intento di conquistare l’ intero continente asiatico , impiegò prigionieri di guerra e civili nella realizzazione della linea ferroviaria che avrebbe collegato la Thailandia alla Birmania.Il numero di morti che vide la costruzione di questa ferrovia gli conferisce oggi il nome di “Ferrovia della Morte”. Il periodo di funzionamento della ferrovia va dall’Ottobre 1943 al Giugno 1945.

Helfire pass :
Scavato nella roccia, questo è il punto più profondo del passaggio della linea Ferroviaria della Morte.

Erawan National Park :
A 30 minuti di pullman da Kanchanaburi è possibile raggiungere il Parco Nazionale che ospita le famose cascate Erawan. Nel bel mezzo della foresta tropicale queste cascate color smeraldo sono uno spettacolo per la vista. Potete raggiungerle in pullman ma anche in motorino. Il consiglio è sempre lo stesso, cercare di evitare la folla con una bella sveglia presto.

Sai Yok National Park :
Questo parco nazionale offre la possibilità di fare qualche escursione nella giungla tra grotte e cascate.

Muang Sing Historical Park :
Muang Sing è un sito archeologico nell’area di Sai Yok che custodisce quel che rimane dei due templi dell’Impero Khmer.

IL NORD

  • SUKHOTHAI
    Il parco storico di Sukhothai (dal thailandese “alba della felicità”), dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, ospita quel che rimane della grandezza della capitale Thailandese.
    Noleggiate una bicicletta, procuratevi una cartina e via all’esplorazione.
    Non dimenticate di visitare il tempio più grande del parco storico, il Wat Mahathat e la statua del Re Ramkhamhaeng.
    Curiosità: pare sia stato proprio il Re Ramkhamhaeng l’ inventore dell’ alfabeto Thailandese.

Come raggiungere Sukhotai:

Da Bangkok ci sono diverse soluzioni :
– Il mezzo più veloce è l’ aereo (1h30m), consigliabile trascorrere una notte nei pressi di Old Sukhothai
– Treno e bus invece vi fermeranno a Phitsanulok dopo 7h di viaggio. VI converrà pernottare nei pressi di Phitsanulok e il mattino seguente raggiungere il parco storico con 1h di minivan

Da Ayutthaya :
– Anche dalla stazione di Ayutthaya partono treni in direzione Phitsanulok

Da Chang Mai :
– Circa 4h di treno

Tenete conto che diverse agenzie a Bangkok organizzano il trasporto per Sukhothai, se vi rivolgete a loro potreste
anche valutare l’ opzione di viaggiare in minivan.

IL FESTIVAL DELLE LANTERNE A CHANG MAI :

Se capitate in Thailandia nel mese di novembre non potete perdervi il Festival Delle Lanterne di Chang Mai!
Ogni anno nella notte di luna piena del 12esimo mese del calendario Thailandese si tiene uno dei festival più magici al mondo. Questo festival si divide in due parti:

  • Yee Peng Lanna International: migliaia di luminose lanterne che vengono liberate verso il cielo creando uno spettacolo di luci surreale.
  • Loy Krathong: tanti cestini decorati con fiori e candele (Krathong) che vengono lasciati galleggiare(Loy) sul fiume.

Questo festival in realtà si celebra in tutta la Thailandia, per allontanare i dispiaceri dell’ anno passato si esprime un desiderio prima di liberare le lanterne verso il cielo.
A Chang Mai il festival è il top ma come vi dicevo non si svolge solo qui,  potete assistere a questo spettacolo anche a Bangkok, Sukhotai e sulle spiagge di Phuket.


  • CHANG RAI
    Di solito se si visita Chang Mai, vista la vicinanza con Chang Rai si cerca almeno di organizzare una gita in giornata alla scoperta dei suoi templi più famosi e particolari.
    Se invece avete tempo potete considerare di trascorrerci qualche giorno, per saperne di più date una lettura al nostro articolo Alla scoperta di Chang Rai | Templi ed escursioni.


  • PAI
    Fra Chang Mai e Mae Hong Son si trova Pai, un paesino tranquillo incorniciato da montagne verdi non ancora preso d’assalto dal turismo rispetto ad altre località della Thailandia. Vediamo come rendere interessante una piccola sosta a PAI:

Pai Canyon (Kong Lan) :
A pochi kilometri dalla città di Pai, si trova quello che viene chiamato “Canyon”. Si tratta di un punto panoramico nella giungla, una cresta di terra rossa che in alcuni punti raggiunge i 50 metri di altezza. Vi consigliamo di visitarlo all’alba in tempo per il sorgere del sole e per trovare un po’ di tranquillità.

Tham Lod Cave :
Vicino Soppong, nella provincia di Mae Hong Son, si trova la grotta di Tham Lod ricca di stallattiti e stalagmiti. Potete accedere alla grotta a bordo di una zattera in bamboo per poi proseguire il percorso a piedi illuminati dalla lanterna della guida.

Pai Hot Springs (Sorgenti termali) :

Rafting sul fiume Pai

Le cascate di Mo Paeng e Mae Yen

Trekking parco nazionale Huay Nam Dang

Considerazioni:
Se state valutando se inserire o meno Pai nel vostro itinerario, valutate in base al tempo che avete a disposizione e al tipo di vacanza che avete in mente. Se è la prima volta che visitate la Thailandia mi sentirei di consigliarvi di passare oltre e dedicare più tempo ad altre località.

Nota:
La strada che da Chang Mai arriva fino a Pai è famosa per la sua vista panoramica ma anche per le sue infinite curve. Quindi apprezzata dai motociclisti ma se soffrite il mal d’auto forse non è il massimo.

IL SUD

Finalmente parliamo delle belle spiagge Thailandesi. Per organizzare questa parte di itinerario iniziamo a definire le località da preferire in base al periodo del vostro viaggio:

Periodo di viaggio: tra novembre e aprile (in particolar modo da dicembre a marzo) = stagione secca
In questo periodo dell’ anno bisogna preferire la costa Ovest bagnata dal mare delle Andamane, che comprende le famose località di Phuket, Phi Phi Island, Krabi, il parco nazionale di Phang Nga Bay e tutte le svariate isolette presenti nella zona, ad esempio Koh Lipe, Ko Lanta, Koh Poda, Koh Jum, Similan Island.

Invece il periodo da maggio a ottobre corrisponde al periodo delle piogge.

Periodo di viaggio: tra metà gennaio e aprile (in particolar modo nei mesi di febbraio e marzo) = stagione secca
Ci rivolgiamo questa volta verso la Costa Est sul Golfo della Thailandia, dove troviamo località famose come Koh Samui, Ko Phangan (con il suo famoso Full Moon Party) e Ko Tao.

Con un clima sempre caldo la Costa Est è visitabile tutto l’ anno, da evitare solo la stagione delle piogge nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Ma andiamo nel dettaglio, sicuramente non riuscirò a parlarvi di tutte ma proprio tutte le isole, isolette e arcipelaghi Thailandesi ma proverò ad elencarvene il più possibile dandovi qualche info sulle principali località, Parchi Nazionali e  le escursioni da non perdere:

COSTA OVEST :

  • PHUKET
    Tra le mete più turistiche della costa Ovest della Thailandia bagnata dal mare delle Andamane c’è sicuramente Phuket. Famosa per la sua vita notturna lungo la Bangla Road e per le sue belle spiagge come la famosa Patong beach.

    Da qui partono anche molte escursioni come Phang Nga Bay e James Bond Island, Similan Island, Coral e Racha Island, … Per saperne di più date un’occhiata al nostro articolo PHUKET | Spiagge – Punti Panoramici – Escursioni.


  • PHI PHI ISLAND
    Un’ altra meta molto nota al turismo è Phi Phi Island nella provincia di Krabi, che poi in realtà sarebbero due isole: Koh Phi Phi Don e Koh Phi Phi Leh. Meta adatta a tutti, a chi cerca divertimento e a chi invece cerca tranquillità, per saperne di più date un’ occhiata al nostro articolo Phi Phi Island | Cosa fare – Spiagge – Escursioni – Dove dormire.


  • KRABI
    Krabi è sicuramente più adatta a famiglie e coppie che preferiscono tenersi lontano dal divertimento sfrenato di Khao San Road (Bangkok), Bangla Road (Phuket) e Phi Phi Island. Noi l’ abbiamo inserita verso la fine del nostro itinerario per esplorare le belle isole della provincia di Krabi e trovare un po’ di relax da fine vacanza. Per saperne di più date una lettura qui KRABI | Spiagge – Escursioni – Dove dormire.


  • KHAO LAK
    Khao Lak oltre alle sue bellissime spiagge vanta anche di una posizione strategica per le escursioni come Similan Island, Parco Nazionale Khao Sok, Phang Nga e James Bond Island.
    L’ aereoporto più vicino è quello di Phuket.


  • Parco Nazionale KHAO SOK
    Nel Sud della Thailandia, più precisamente nella provincia di Surat Thani, il Parco nazionale di Khao Sok ospita una delle foreste pluviali più antiche al mondo e il lago artificale Cheow Lan sovrastato da grandi formazioni carsiche. Si raggiunge in circa 2h di minivan dalle località di Krabi e Phuket e in 1h da Khao Lak (provincia di Phang-nga).

    Avventurarci nella natura di questo parco nazionale è stata l’ esperienza più pazzesca del nostro viaggio in Thailandia, per saperne di più leggi qui Organizzare una visita al Parco Nazionale Khao Sok.


  • KOH LIPE
    L’isola di Koh Lipe bagnata dal mare delle Andamane fa parte del Parco Nazionale di Koh Tarutao, arcipelago formato da ben 51 isole. È situata molto vicina al confine Malese, tanto che con un breve tragitto in traghetto si raggiunge l’ isola di Langkawi.


    Come raggiungere Koh Lipe:

    Da Koh Lanta e Phi Phi Island partono traghetti diretti.
    Non ci sono invece aeroporti sull’ isola, i più vicini sono quello di Hat Yai e di Trang (Thailandia) o quello dell’ isola malese di Langkawi. Dall’ aeroporto thailandese raggiungete il porto di Pak Bara dove troverete imbarcazioni dirette a Koh Lipe. Invece da Langkawi le imbarcazioni per Koh Lipe partono dal porto di Telaga.

COSTA EST :

Le isole di Koh Samui, Ko Phangan e Koh Tao dominano la costa Est.

  • KOH SAMUI
    Koh Samui è la terza isola più grande della Thailandia nonché meta molto turistica.

    Belle spiagge ed escursioni molto interessanti:
    – Il Parco Nazionale di Ang Thong, un arcipelago composto da 42 isole
    – Le cascate di Na Muang
    Nuotare con i delfini rosa
    – Le famose formazioni rocciose di Hin Ta e Hin Yai

    Le tre isole, Koh Samui, Ko Phangan e Koh Tao sono collegate tra loro dai traghetti, solo Koh Samui ha il suo aeroporto.


  • KO PHANGAN
    Resa nota dal suo famosissimo Full Moon Party, rimane una meta molto meno turistica rispetto a Koh Samui durante i giorni in cuoi non si tiene il party.

    L’ isola si divide in due zone:
    • la parte occidentale è quella ricca di hotel e locali, si sviluppa dalla spiaggia di Haad Rin (Full Moon Party) fino a quella di Mae Haad.
    • La parte orientale è la più selvaggia, alcune delle sue spiagge tra le più belle dell’ isola sono raggiungibili solo in long tail.


      Le spiagge:
      Sunrise beach e Sunset beach (haad rin)
      Mae Haad beach
      Secret beach
      Thaan Sadet
      Thong nai pan bay
      Thong nai pan noi e Thong noi pan yai
      Bottle beach


      L’isola di Ko Phangan non è solo spiagge, templi e party, ma anche trekking nella giungla e cascate. Il trekking fino alla cascata del paradiso è tra i più conosciuti, per raggiungerla seguite i cartelli “paradise waterfall” nei pressi  del villaggio Chaloklum.


      Ko Phangan è raggiungibile in traghetto (45 min da Koh Samui).


  • KOH TAO
    L’isola più piccola delle tre è Koh Tao, il paradiso del diving. Le scuole di sub che affollano questa isoletta fan si che i prezzi siano molto accessibili e potrebbe venirvi voglia di conseguire il brevetto da sub. Con le sue acque limpide è anche il posto giusto per praticare snorkeling.


    Le spiagge:
    Sairee Beach
    Tanote Bay : raggiungibile con taxi boat
    Koh Nang Yuan : raggiungibile con taxi boat
    Mango Bay
    Ao Leuk Beach
    Chalok Ban Kaok

Il turismo ha portato vita notturna anche sulla piccola Koh Tao.


  • KOH LANTA
    Koh Lanta situata nella provincia di Krabi è una delle principali isole del parco nazionale di Mu Ko Lanta. Non vanta particolare vita notturna ma offre delle belle spiagge dove poter trovare un pò di relax.
    Tiger cave è una delle escursioni che si possono fare da qui.


    Come raggiungere Koh Lanta:

    L’ aeroporto più vicino è quello di Krabi, da qui potete proseguire via terra o via mare. I traghetti partono da Krabi, Phi Phi Island e Koh Lipe.

Eventi in Thailandia:

Vi ho già accennato del Festival Delle Lanterne parlando di Chang Mai, ma ora vi voglio parlare del Songrakan, uno tra gli eventi più popolari di tutta la Thailandia in quanto corrisponde al capodanno secondo il calendario buddhista.  Avviene in occasione del cambiamento della posizione del sole nell’anello dello zodiaco, solitamente a metà aprile.
L’ elemento predominante di questa festività è l’ acqua che simboleggia la “purificazione”, Infatti i thailandesi compiono diversi rituali al fine di allontanare il male e assolvere i peccati.

La parte più divertente è quando ha inizio la battaglia di gavettoni in giro per le strade, e adesso capirete perché viene spesso chiamata la “Festa dell’acqua”.
Il Songrakan si tiene in tutta la Thailandia.

Itinerari Thailandia :

Arrivati a questo punto è il momento di creare il vostro itinerario, collegando tra loro le zone che più vi interessano in base al vostro periodo di viaggio.

Iniziamo a mostrarvi
Il nostro Itinerario di 3 settimane tra la capitale Bangkok e il Sud della Thailandia
a cavallo di Capodanno (dicembre /gennaio):

Sabato 21 dicembre : volo Milano – Bangkok

Domenica 22 dicembre : ore 20.45 atterrati a Bangkok

Lunedì 23 dicembre: Bangkok (per saperne di più Itinerario di 4 giorni | Bangkok e Ayutthaya)

Martedì 24 dicembre: Bangkok – gita ad Ayutthaya

Mercoledì 25 dicembre: Bangkok

Giovedì 26 dicembre: Bangkok (gita mezza giornata I mercati più famosi della Thailandia, Maeklong Railway Market – Floating Market Damnoen Saduak) – volo pomeridiano x Phuket

Venerdì 27 dicembre: Phuket (per saperne di più PHUKET | Spiagge – Punti Panoramici – Escursioni)

Sabato 28 dicembre: Phuket – escursione a Phang Nga (per saperne di più PHUKET | Spiagge – Punti Panoramici – Escursioni)

Domenica 29 dicembre: Phuket

Lunedì 30 dicembre: Phuket – escursione Similan Island (per saperne di più PHUKET | Spiagge – Punti Panoramici – Escursioni)

Martedì 31 dicembre: Phuket

Mercoledì 1 gennaio: Phuket

Giovedì 2 gennaio: Phuket – traghetto x Phi Phi Island

Venerdì 3 gennaio: Phi Phi Island – escursione Phi Phi Leh

Sabato 4 gennaio: Phi Phi Island (per saperne di più Phi Phi Island | Cosa fare – Spiagge – Escursioni – Dove dormire)

Domenica 5 gennaio: Phi Phi Island

Lunedì 6 gennaio: Phi Phi Island – traghetto per Krabi

Martedì 7 gennaio: Krabi – escursione Koh Hong

Mercoledì 8 gennaio: Krabi (per saperne di più KRABI | Spiagge – Escursioni – Dove dormire)

Giovedì 9 gennaio: da Krabi tour organizzato x Khao Sok (per saperne di più Organizzare una visita al Parco Nazionale Khao Sok)

Venerdì 10 gennaio: Khao Sok con rientro a Krabi

Sabato 11 gennaio: Krabi – escursione Four Island (per saperne di più KRABI | Spiagge – Escursioni – Dove dormire)

Domenica 12 gennaio: Krabi – volo pomeridiano per Bangkok

Lunedì 13 gennaio: Bangkok – volo serale di rientro a Milano

Martedì 14 gennaio: arrivo a Milano

Per trovare tariffe volo più agevolate solitamente la soluzione migliore è quella di acquistare voli andata / ritorno sullo stesso aeroporto, nel nostro caso abbiamo volato A/R su Bangkok.

Phi Phi Island e Krabi le abbiamo raggiunte in speed boat, mentre Phuket e Bangkok (da Krabi) con voli interni.

Considerazioni al rientro dalla nostra vacanza Thai:

Modificherei l’ itinerario dedicando a Phi Phi Island al massimo 3 giorni e sostituendo Krabi con un’ altra località. La località di mare che abbiamo preferito è stata Phuket, invece l’ escursione naturale più bella è stata senza dubbio quella di Khao Sok. 

Alcune indicazioni per la creazione di un itinerario in Thailandia :

Come abbiamo visto la Thailandia ha molto da offrire e sicuramente avrete un po’ di confusione su dove e cosa inserire prima nel vostro itinerario di viaggio.

Qui sotto vi lascio delle opzioni di itinerario dei luoghi di maggiore interesse tra Centro e Nord Thailandia tralasciando il Sud che vi suggerisco di inserire a piacere orientandovi tra costa Est e costa Ovest in base al vostro periodo di viaggio e alla stagione dei monsoni.

Come ultima cosa, vi suggerisco di inserire la parte “mare” come ultima tappa del vostro viaggio, vi gusterete ancora di più quei momenti di relax.

Esempi di itinerario Nord e Centro Thailandia:

  • Bangkok +  day trip Ayutthaya (4 notti) – Sukhothai (2 notti) – Chang Mai (3 notti) – Pai (2/3 notti) – Chang Rai (3 notti)
  • Bangkok +  day trip Ayutthaya (4 notti) – Sukhothai (2 notti) – Chang Mai + day trip Chang Rai (4 notti) 
  • Bangkok +  day trip Ayutthaya (4 notti) – Kanchanaburi (1/2 notti) – Chang Mai + day trip Chang Rai (4 notti)
  • Bangkok (3 notti) – Ayutthaya (1 notte) – Sukhothai (2 notti) – Chang Mai (3 notti) – Pai (2/3 notti) – Chang Rai (3 notti)

Tutti gli articoli riguardanti la Thailandia:

Per saperne di più sulla Thailandia del Nord :

Per saperne di più su Bangkok :

Per saperne di più sulla Thailandia del Sud :

GIORGIA & GIANLUCA

 

Siamo Giorgia e Gianluca, viaggiatori e pattinatori per passione.

Giorgia: “È una bella giornata” è la frase che mi caratterizza, ogni giorno è buono per non stare in casa ma uscire e viaggiare.
Il mio compito è quello di trascinare Gianluca in ogni “pazzia” che mi salta per la testa.
Sono la voce che racconta i nostri itinerari di viaggio.

Gianluca: vittima dei miei “È una bella giornata”, ogni tanto spera in qualche giorno di pioggia per poter provare l’ ebrezza del riposo e del divano di casa. Con qualche buona scusa cerca sempre di scartare le mie proposte più impegnative, ma con pessimi risultati, si va!

TAGS

CATEGORY

RELATED POSTS

ITINERARIO DI 4 GIORNI A CHANG MAI, TRA TEMPLI E NATURA

ITINERARIO DI 4 GIORNI A CHANG MAI, TRA TEMPLI E NATURA

Chang Mai, soprannominata la “Rosa del Nord”, è una meta molto apprezzata del Nord della Thailandia, protagonisti templi e natura | Itinerario 4 giorni | Attrazioni principali | itinerari in scooter | Quando andare…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIORGIA & GIANLUCA

 

Siamo Giorgia e Gianluca, viaggiatori e pattinatori per passione.

Giorgia: “È una bella giornata” è la frase che mi caratterizza, ogni giorno è buono per non stare in casa ma uscire e viaggiare.
Il mio compito è quello di trascinare Gianluca in ogni “pazzia” che mi salta per la testa.
Sono la voce che racconta i nostri itinerari di viaggio.

Gianluca: vittima dei miei “È una bella giornata”, ogni tanto spera in qualche giorno di pioggia per poter provare l’ ebrezza del riposo e del divano di casa. Con qualche buona scusa cerca sempre di scartare le mie proposte più impegnative, ma con pessimi risultati, si va!