ITINERARIO DI 4 GIORNI | BANGKOK E AYUTTHAYA

da | Apr 25, 2020

4 giorni a Bangkok possono bastare? Si ! Noi siamo riusciti a visitare tutte le attrazioni principali e anche qualcosa in più.

I templi più visitati come il Wat Pho e il Wat Arun,  grattacieli con viste mozzafiato come il King Power Mahanakhon con la sua vertiginosa passerella in vetro che vi farà camminare sul traffico di Bangkok, il Grand Palace, i famosi Maeklong Railway Market e il Floating Market Damnoen Saduak, la trafficata Chinatown e i quartieri della vita notturna, in questa guida troverete tutto quello che vi occorre sapere per organizzare il vostro itinerario nella pazza Bangkok.

In generale quando preparerete il vostro itinerario su misura, il consiglio è quello di pianificare la visita ai templi la mattina per non rischiare di trovarli chiusi nel pomeriggio.

Qui sotto trovate il nostro itinerario di 4 giorni + i consigli su cosa fare se avete più tempo a disposizione:

SERA :

  • Atterrati in serata all’Aeroporto di Bangkok-Suvarnabhumi
  • Rooftop Vertigo & Moon Bar in cima al Banyan Tree
  • Quartiere Patpong
  • Una sbirciatina al quartiere Nana Plaza molto vicino al nostro albergo in Sukhumvit

GIORNO 1:

  • Tour 1 h long tail Chao Phraya
  • Wat Arun
  • Wat Pho
  • Grand Palace
  • King Power Mahanakhon al tramonto

SERA :

  • Red Sky Bangkok
  • Speackeasy bar #findthephotobooth

GIORNO 2:

  • Ayutthaya

SERA:

  • Lebua State Tower
  • Flower Market
  • Khao San Road

GIORNO 3:

  • Golden Mountain
  • Chinatown
  • Wat Traimit
  • Jim Thompson House
  • Siam Center

SERA:

  • Asiatique the riverfront

GIORNO 4:

  • Maeklong railway market
  • Floating market Damnoen Saduak, Ratchaburi

PRANZO:

  • Cabbages & Condoms

Atterrati a Bangkok intorno alle 21, dopo una sistemata veloce nel nostro albergo a Sukhumvit decidiamo di raggiungere con un tuk tuk il rooftop Vertigo & Moon Bar…

SERA:

  • Il rooftop Vertigo & Moon Bar si trova al 61esimo piano del Banyan Tree. Prezzi alti ma non quanto al Lebua, il famoso rooftop di una notte da leoni per intenderci. Per saperne di più, dai un occhio al nostro articolo Il meglio dei vertiginosi Sky bar | Rooftop | Osservatori di Bangkok.


  • Il quartiere di Patpong si sviluppa su due strade parallele, Soi 1 e 2, che partono da Thanon Silom. È famoso per il suo night market ma soprattutto per essere uno dei quartieri a luci rosse di Bangkok, non mancano infatti i famosi ping pong show.


  • Avvicinandoci al nostro albergo a Sukhumvit diamo una sbirciata anche al quartiere di Nana Plaza, altro quartiere a luci rosse di Bangkok. Qui vicino si trova anche la zona di Soi Cowboy (tra Soi 21 e 23 di Sukhumvit), anche questo è un quartiere a luci rosse ma qualche locale “normale” si trova.

GIORNO 1:

ABBIGLIAMENTO: spalle e gambe coperte per la visita dei templi

Tra le tappe imperdibili di Bangkok ci sono sicuramente il Grand Palace, Il Wat Pho e il Wat Arun che vi consigliamo di visitare nella stessa giornata vista la loro vicinanza. Con il tuk tuk abbiamo raggiunto la riva del fiume Chao Phraya da dove è possibile noleggiare una barca o ancor più carino una long tail (piccola imbarcazione che troverete spesso in giro per la Thailandia) .

Da qui siamo partiti con una navigazione nelle trafficate acque del Chao Phraya e nei canali di Thonburi di circa 1h, ad ogni modo potrete concordare voi prima della partenza il giro che volete fare e la vostra ultima fermata. Noi alla fine del tour ci siamo fatti lasciare sulla sponda opposta in corrispondenza del Wat Arun.

  • WAT ARUN:
    (Costo ingresso 50 Bath, Orario di apertura 8.30 – 17.00)
    Il tempio del Wat Arun è riconoscibile dalla sua notevole guglia (prang) alta 81 metri. Per raggiungerlo dovrete attraversare il fiume, quindi se come noi fate il tour privato del fiume Chao Phraya potete scegliere come ultima fermata proprio il Wat Arun, altrimenti potete prendere il battello al costo di pochi THB.

Terminata la visita prendiamo il battello per tornare sulla sponda opposta dove si trovano il Wat Pho e il Grand Palace.

  • WAT PHO:
    (Costo di ingresso 200 Baht, Orario di apertura 8:00 – 18:30)
    Il tempio del Wat Pho è famoso perché al suo interno si trova la statua del Buddha sdraiato lunga ben 46 metri.

  • GRAND PALACE:
    (Costo di ingresso 500 Bath, Orario di apertura 8:30 – 15:30).
    A pochi minuti a piedi dal Wat Pho raggiungiamo il Grand Palace. Mi raccomando qui sono ancor più rigidi riguardo all’ abbigliamento e se non volete ritrovarvi ad acquistare magliette inguardabili non dimenticate di portarvi dietro un pantalone lungo e una maglia che copra bene le spalle.

    Il Grand Palace, ovvero il Palazzo Reale, è la residenza ufficiale del Re della Thailandia (anche se in realtà non vivono qui). Venne edificato dopo la distruzione dell’ “antica” città reale di Ayutthaya avvenuta nel 1767 per mano dei Birmani, così per simboleggiare la continuità con il passato, il re Rama I volle  riutilizzare parte delle rovine di Ayutthaya nella costruzione del Palazzo Reale. 

    Entrati al Grand Palace non dimenticatevi di andare a vedere il Wat Phra Kaeo, il tempio reale del Buddha di Smeraldo. La statua di giada verde è alta 66 cm.

Per oggi basta templi, una rinfrescata in uno dei tanti centri commerciali di Bangkok e pronti per il King Power Mahanakhon.

  • KING POWER MAHANAKHON:
    Nello skyline di Bangkok non passa inosservato il grattacielo “pixellato”, il King Power Mahanakhon. L’ attrazione principale è lo skywalk, una passerella in vetro a 314 metri di altezza che vi farà provare l’emozione di trovarvi sotto i piedi il traffico di Bangkok. Potete acquistare il biglietto di ingresso allo skywalk sul sito ufficiale : https://kingpowermahanakhon.co.th/ oppure con il sito Get Your Guide.

    Vi consigliamo di prenotare il vostro ingresso 30 minuti prima del tramonto così da avere ancora luce per qualche foto sulla passerella di vetro e poi ammirare il tramonto riflettersi nel fiume Chao Phraya.

SERA:

  • RED SKY BANGKOK:
    Al 55° piano del Centara Grand at Central World, zona Siam Square, si trova il rooftop Red Sky Bangkok. Ha anche un ristorante che si chiama Uno Mas, ma in questi posti occhio al portafoglio.

  • SPEACKEASY BAR #findthephotobooth
    Questo pub segreto si trova in Sukhumvit 11 all’interno di un bar sportivo, Score Bar. Si tratta quindi di un bar dentro un bar, e il modo per accedere al bar segreto.. beh non posso dirvelo! L’ indizio per trovare l’ ingresso è la risposta a questa domanda: come farsi un selfie senza il telefono ?

GIORNO 2:

ABBIGLIAMENTO: spalle e gambe coperte per la visita dei templi

  • AYUTTHAYA:
    Ayutthaya è stata la capitale della Thailandia dal 1350 al 1767, periodo in cui venne governata da ben 35 re. Nel 1767 fu invasa e distrutta per mano dei Birmani, che in segno di conquista mozzarono le teste a molte statue di Buddha.

    Si trova a 70 km da Bangkok, ed è raggiungibile sia in Minivan che in treno. Noi abbiamo scelto il treno e non ce ne siamo pentiti, è stato come tornare indietro nel tempo e il costo è stato davvero minimo.

    Una volta arrivati alla stazione di Ayutthaya non faticherete a trovare tuk tuk, bici e scooter a noleggio per visitare il parco storico. I buoni propositi erano quelli di esplorare Ayutthaya in bici ma 40 gradi all’ombra con un altissimo tasso di umidità ci sono sembrati too much, quindi abbiamo optato per un comodissimo scooter.

    Nota: in Thailandia la guida è all’ inglese e per noleggiare lo scooter è necessaria la patente internazionale, per saperne di più dai un occhio alle Informazioni generali | Organizzare un viaggio in Thailandia.

    Ayutthaya è circondata da 3 corsi d’acqua quasi da farla sembrare un’ isola, il parco è molto grande ma noi abbiamo visto i punti principali in mattinata :

    Wat Mahathat, dove si trova la tanto fotografata testa di Buddha abbracciata dalle radici di un albero.
    Wat Ratcha Burana
    Wat Phra RamVihara Phra Mongkhon Bophit
    Wat Phra Si Sanphet, famoso per i tre stupa posti in fila.
    Wat Chai WatthanaramWat Phra Phanan Choeng
    Wat Yai Chai Mongkhon

    Ultimata la visita del parco storico potete decidere se andare a mangiare qualcosa al floating market Ayothaya oppure proseguire la visita verso il Bang Pa-In Palace. Se optate per la seconda opzione potete decidere di raggiungerla in scooter oppure in treno (10 minuti circa), in questo caso ricordatevi di informarvi prima per gli orari così da ottimizzare i tempi.

    Il Bang Pa-In Palace, è un palazzo reale conosciuto anche come palazzo d’estate. Utilizzato in passato dai Re è oggi aperto al pubblico e saltuariamente frequentato dalla famiglia reale per occasioni speciali. Noi in realtà, distrutti dal caldo, abbiamo optato per il floating market e poi ritorno in treno a Bangkok.

Come prendere il treno per Ayutthaya:

Il treno parte dalla stazione di Hualamphong di Bangkok. Ci sono diversi treni che passano per Ayutthaya: Express , Special Express, Rapid e Ordinary.

Noi abbiamo viaggiato in terza classe con il treno ordinary, il più lento e anche il più economico, impiegandoci circa 2 ore.

Il biglietto lo potete acquistare il giorno stesso alla biglietteria della stazione, provate a chiedere che vi venga assegnato un posto. Ovviamente qui niente aria condizionata ma tanti piccoli ventilatori e finestrini aperti, un viaggio in treno come una volta. Per quanto riguarda invece i treni più veloci è consigliabile prenotare il biglietto almeno un giorno prima, percorrendo tratte lunghe fino a Chang Mai o Phitsanulok i posti si esauriscono in fretta.

Vi consigliamo di prendere il treno delle 8.30, presentatevi in stazione alle 8.00 e rivolgetevi alla biglietteria.

Per il treno di ritorno a Bangkok informatevi per gli orari non appena arrivate così da non rischiare di rimanere a piedi per Ayutthaya. Se invece nel vostro itinerario dopo Ayutthaya volete attaccare la visita a Sukhothai, tenete in considerazione che da qui parte il treno rapid.

Ayutthaya

SERA:

Rientrati da Ayutthaya intorno alle 16.30 ci prepariamo per il tramonto al Lebua State Tower

  • LEBUA STATE TOWER:
    Il Sirocco Restaurant & Sky Bar è il nome del rooftop all’aperto situato al 63esimo piano del Lebua Hotel at State Tower, lo avrete visto nel film Una notte da leoni.

Al Lebua non ci aspettavamo dei prezzi così alti, quindi siamo scappati in fretta ripiegando su qualcosa di molto più economico, la famosa Khao San Road, ma prima una tappa al Flower Market.

  • FLOWER MARKET:
    Siamo rimasti stupiti da questo posto, merita davvero una visita. Il mercato è immenso e quello che riescono a fare con i fiori è davvero stupendo.

  • KHAO SAN ROAD (nel quartiere di Banglamphu):
    È molto confusionaria ma troverete sicuramente un buon Pad Thai tra i venditori ambulanti. Forse poco igienico ma dopotutto siamo in Thailandia. I locali sono molto carini, vivaci e con prezzi ottimi! Tra le stramberie la vendita a dismisura di insetti cotti a puntino e il gas esilarante ! Se siete in cerca di divertimento non dimenticatevi di passare di qui, è la zona che abbiamo preferito per la vita notturna.
    Quest’area non è collegata da Skytrain e metropolitana, quindi contrattate con un tuk tuk. Noi da Sukhumvit abbiamo pagato circa 300 bath.

GIORNO 3:

ABBIGLIAMENTO: spalle e gambe coperte per la visita dei templi

  • GOLDEN MOUNTAIN: ( Wat Saket Ratcha Wora Maha Wihan), orari di aperture dalle 8 alle 17.
    Qui si trova anche la Giant Swing (Slingshot to Heaven).

  • CHINATOWN:
    Il consiglio qui è uno solo, perdetevi tra le sue vie incasinate. Noi ci siamo arrivati con il tuk tuk dando come punto di riferimento il Grand China Hotel Bangkok in Yaowarat Road. Per cercare di far chiarezza in tutta questa confusione distinguiamo almeno quelle che sono le vie principali:

    Yaowarat Road, via principale molto trafficata, piena di gioiellerie e grandi insegne cinesi
    – il vicolo di Sampang Lane (Soi Wanit 1)
    Soi Texas, si anima di notte
    – il mercato di Trok Itsaranuphap

  • Il tempio WAT TRAIMIT:
    Raggiungibile a piedi da Chinatown.

  • JIM THOMPSON HOUSE:
    (orario di apertura 9.00 – 18.00)
    Jim Thompson era un uomo d’ affari statunitense che riuscì a riavviare l’ industria tessile in Thailandia. Costruì questa casa in teak seguendo l’ architettura antica Thailandese ma con un pizzico di innovazione proveniente da diverse parti del mondo. Dopo la sua scomparsa in Malesia nel 1967 la casa venne aperta al pubblico.

    Acquistando il biglietto di ingresso avrete una guida in inglese che vi accompagnerà attraverso le varie stanze.

  • SIAM CENTER o SUKHUMVIT:
    Dalla Jim Thompson House potete raggiugere a piedi l’ area di SIAM Square, il moderno quartiere dello shopping. Qui trovate i centri commerciali come il Siam Paragon, MBK Center e il Central World.

    In alternativa potete fare un giro tra i grattacieli di Sukhumvit, comodamente raggiungibile con lo skytrain.

Se fate in tempo vi consigliamo anche:

  • ICONSIAM:
    Centro Commerciale molto lussuoso di recente costruzione. Si trova sull’ altra sponda del Chao Phraya, attraversamento collegato da un traghetto. Vi consigliamo di passare di qui verso l’ora del tramonto per assistere alo spettacolo della fontana.

SERA:

  • ASIATIQUE the riverfront:
    Tanti negozietti, qualche ristorante e la grande ruota panoramica Asiatique Sky.

GIORNO 4:

PRANZO:

  • Cabbages & Condoms
    Rientrati intorno alle 2 del pomeriggio dal tour dei mercati e avendo il volo per Phuket intorno alle 18 per oggi basta così, pranziamo al ristorante Cabbages & Condoms in zona Sukhumvit, che vi consiglio di provare in particolar modo la sera quando fanno anche qualche spettacolo. Questo locale ha una particolarità che immagino intuirete dal nome.

Avete qualche giorno in più a disposizione ?

Vi elenchiamo qui alcune cose che potete aggiungere al vostro itinerario :

  • Lumphini park
  • Il famoso mercato notturno Ratchada Train Market
  • Il grande mercato Chatuchack, se capitate a Bangkok durante il weekend non perdetevelo
  • Ancient City Bangkok, noi purtroppo non siamo andati ma mi da l’ idea di essere un posto magico
  • Parco Nazionale Khao Yai, escursione a circa 3 ore da Bangkok
  • A caccia di murales per le strade di Bangkok
  • Corgy In The Garden, uno strano locale dove potete accarezzare i simpatici Corgy, il cane della Regina Elisabetta.
  • Unicorn Cafe, si trova nel quartiere Silom, se siete amanti degli unicorni sapete dove andare
  • Rooftop, dai un occhio a questo Il meglio dei vertiginosi Sky bar | Rooftop | Osservatori di Bangkok

Tutti gli articoli riguardanti la Thailandia:

Per saperne di più sulla Thailandia del Nord :

Per saperne di più su Bangkok :

Per saperne di più sulla Thailandia del Sud :

GIORGIA & GIANLUCA

 

Siamo Giorgia e Gianluca, viaggiatori e pattinatori per passione.

Giorgia: “È una bella giornata” è la frase che mi caratterizza, ogni giorno è buono per non stare in casa ma uscire e viaggiare.
Il mio compito è quello di trascinare Gianluca in ogni “pazzia” che mi salta per la testa.
Sono la voce che racconta i nostri itinerari di viaggio.

Gianluca: vittima dei miei “È una bella giornata”, ogni tanto spera in qualche giorno di pioggia per poter provare l’ ebrezza del riposo e del divano di casa. Con qualche buona scusa cerca sempre di scartare le mie proposte più impegnative, ma con pessimi risultati, si va!

TAGS

CATEGORY

RELATED POSTS

ITINERARIO DI 4 GIORNI A CHANG MAI, TRA TEMPLI E NATURA

ITINERARIO DI 4 GIORNI A CHANG MAI, TRA TEMPLI E NATURA

Chang Mai, soprannominata la “Rosa del Nord”, è una meta molto apprezzata del Nord della Thailandia, protagonisti templi e natura | Itinerario 4 giorni | Attrazioni principali | itinerari in scooter | Quando andare…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIORGIA & GIANLUCA

 

Siamo Giorgia e Gianluca, viaggiatori e pattinatori per passione.

Giorgia: “È una bella giornata” è la frase che mi caratterizza, ogni giorno è buono per non stare in casa ma uscire e viaggiare.
Il mio compito è quello di trascinare Gianluca in ogni “pazzia” che mi salta per la testa.
Sono la voce che racconta i nostri itinerari di viaggio.

Gianluca: vittima dei miei “È una bella giornata”, ogni tanto spera in qualche giorno di pioggia per poter provare l’ ebrezza del riposo e del divano di casa. Con qualche buona scusa cerca sempre di scartare le mie proposte più impegnative, ma con pessimi risultati, si va!